Lingua
Ricerca

Ranocchiette alla Cola

Goggi-Fröschli

Ranocchiette alla Cola

In sintesi

Le ranocchiette alla cola sono caramelle dure e zuccherate al gusto di cola, a forma di rane col ventre a terra, di color marrone, che pesano circa 5 grammi. Sono fatte di zucchero e sciroppo di glucosio e contengono aromi e coloranti. La ricetta è rimasta la stessa dal 1938, anno di creazione del prodotto.

Le ranocchiette alla cola sono fabbricate da una ditta dolciaria nel cantone di Basilea Campagna. Egli AG Import & Vertrieb, con sede a Effretikon, è proprietaria del marchio Cola-Fröschli dal 2015.

Le ranocchiette alla cola fanno parte di una grandissima famiglia di caramelle dure e zuccherate di diversi gusti. Tuttavia il gusto di cola e la forma di ranocchia rendono questo dolciume incontestabilmente unico sia per l’aspetto che per il gusto.

Descrizione

Caramella dura al gusto di cola, a forma di rana con ventre a terra. È di color marrone e pesa circa cinque grammi.

Varianti

Le ranocchiette alla cola hanno 3 sorelle: le ranocchiette al lampone, al limone e al caramello. Tutte e tre sono però in ombra rispetto all’originale: la loro produzione complessiva corrisponde a circa il 10% della produzione di ranocchie.

Ingredienti

Zucchero, sciroppo di glucosio, acqua, sciroppo di caramello, aroma di cola naturale e  acidificanti.

Storia

“La ranocchietta alla cola è stata inventata e introdotta sul mercato nel 1938 dalla nostra ditta”, dichiara un rappresentante della ditta in questione incontrato nella sala di produzione. “La ricetta è rimasta invariata fino ad oggi,” aggiunge il rappresentante, “ma le macchine sono più moderne e più potenti.” “E le caramelle sono diventate più gradevoli da mangiare. Un tempo al masticarle si formava un grosso blocco in bocca.” L’invenzione e il lancio trionfale delle ranocchiette alla cola non sarebbero stati possibili senza il successo di un altro prodotto. Nel 1936 un importatore d’auto bernese iniziò a introdurre in Svizzera una bibita di cui aveva scoperto l’esistenza durante un viaggio d’affari negli Stati Uniti. Si chiamava Coca-Cola e diventò rapidamente un articolo che andava a ruba. “Quel gusto inconfondibile era in tutte le bocche”, riferisce il rappresentate della ditta dolciaria intervistato. “Le ranocchiette alla cola sono nate dall’idea di assaporare questo gusto sotto un’altra forma.” Per attirare la clientela voluta, composta soprattutto da bambini, andava scelta una figura appropriata: è così che si è giunti alla figura della ranocchia.  

L’idea si rivelò un successo. Nel 2008 le ranocchiette alla cola hanno festeggiato il loro 70° compleanno. E ancora oggi le paghette degli scolaretti finiscono spesso in caramelle a forma di ranocchia.

Produzione

La base delle ranocchiette alla cola è una pasta di zucchero bollito e di sciroppo di glucosio colorata e aromatizzata. Questa pasta deve essere lavorata quando è ancora calda perché solo così risulta elastica e si può modellare in una ranocchia. I processi produttivi oggi sono organizzati per mezzo di macchinari ma le singole tappe devono essere sorvegliate.  All’inizio della preparazione si versano zucchero, sciroppo di glucosio e acqua in una caldaia di rame. Lo zucchero funge da dolcificante, l’acqua aiuta lo zucchero a sciogliersi e l’amidaceo sciroppo di glucosio è importante per proteggere la caramella dall’umidità e mantenerne la forma.Si aggiunge poi sciroppo di caramello, che non dà nessun gusto ma serve da colorante marrone. Questa miscela è bollita a circa 130° C e quindi messa sottovuoto. In questo modo l’acqua viene rimossa.  Si ottiene una pasta solida ma ancora malleabile. Durante l’impasto si aggiungono gli acidificanti e l’aroma di cola. La provenienza di quest’ultimo è un segreto di fabbrica. In origine l’aroma di cola si ottiene dalla “noce di cola”, il seme dell’omonima pianta tropicale.  

La pasta viene raffreddata su un piatto e ancora impastata in modo da espellere l’aria per quanto possibile. Infine macchinari appositi formano un rotolo dello spessore di un dito con la pasta ancora calda. Con una stampatrice si ottengono caramelle dure della grandezza e forma volute. Dopo essersi raffreddate, le ranocchiette alla cola devono essere avvolte in una pellicola trasparente per caramelle, in modo che non si attacchino fra loro.

Consumo

La ranocchiette alla cola sono dolciumi particolarmente apprezzati dai bambini. Ma anche gli adulti succhiano volentieri le ranocchie, ricordando così un sapore della loro infanzia.  

Queste caramelle si possono acquistare durante tutto l’anno e in tutta la Svizzera nei chioschi o nelle panetterie, dove vengono vendute sciolte. Sono inoltre disponibili all’ingrosso e nei negozi di dolciumi, in confezioni da 25 pezzi / 140 g.

Importanza economica

Le cifre di vendita non sono rivelate ma si contano milioni di pezzi prodotti annualmente.

Una singola ranocchietta alla cola costa 10 centesimi, una confezione da 25 pezzi costa 2.50 franchi.

Fonti

  • © Egli AG Import & Vertrieb ,   Photo Cola Fröschli,   Effretikon,   2018.  
Confetteria Print

Epicentro di produzione

Basilea Campagna

Map